caricamento...
chiudi ricerca

Risultati della tua ricerca:

CORRETTO PERFEZIONAMENTO DEL CIG : INDICAZIONI OPERATIVE

CORRETTO PERFEZIONAMENTO DEL CIG : INDICAZIONI OPERATIVE

Autore: Cinzia Devincenzi

Questo articolo contiene:

Rup, Cig, Simog, Appalti, Anac, Gara, Tracciabilità

13/03/2017

SFOGLIA GLI ARTICOLI
CON UN TOUCH

Con la Delibera Anac n. 1/2017 pubblicata sulla G.U. n. 26 del 1° febbraio 2017 sono state fornite “Indicazioni operative per un corretto perfezionamento del CIG”, in quanto dalle verifiche compiute dall’Autorità sul sistema SIMOG, svariati CIG non risultano perfezionati.

Entro il 17 maggio 2017 è necessario che i Rup procedano al perfezionamento di tutti i CIG precedentemente acquisiti (o a quelli che sono subentrati nella relativa competenza) sul sistema SIMOG e non ancora perfezionati.

In caso di inadempimento, l’Autorità potrà applicare la sanzione amministrativa pecuniaria prevista all’art. 213, commi 9 e 13, del d.lgs. 50/2016.

Il CIG, che va acquisito obbligatoriamente da parte del Rup antecedentemente  all’avvio della procedura ,in quanto va riportato nel bando o avviso di gara o nella lettera di invito a seconda della modalità di scelta del contraente, deve essere successivamente perfezionato ovvero cancellato (nel caso la selezione del contraente sia poi annullata).

Nello specifico, entro il termine massimo di 90 giorni dall’acquisizione del CIG, il Rup è tenuto ad accedere nuovamente al sistema SIMOG e a inserire nell’apposita scheda le seguenti informazioni:

a)      la data di pubblicazione del bando, della lettera di invito in caso di procedura negoziata, o comunque la data della manifestazione della volontà di procedere all’affidamento dell’appalto (nel caso di adesione ad accordo quadro senza successivo confronto competitivo deve essere indicata la data desumibile dall’atto amministrativo che ha stabilito l’adesione);

b)      la data di scadenza della presentazione delle offerte (nel caso di adesione ad accordo quadro senza successivo confronto competitivo, e comunque in tutti i casi in cui non è prevista tale indicazione, deve essere indicata una data successiva a quella di cui alla lettera a);

c)      nel caso in cui la stazione appaltante non ha ritenuto di andare avanti con la procedura, il RUP deve provvedere alla cancellazione del CIG sul sistema SIMOG, con le modalità ivi indicate, entro il termine di cui al precedente punto.

Alla scadenza del novantesimo giorno, il sistema SIMOG procederà automaticamente alla cancellazione del CIG non perfezionato, inviando apposito messaggio via mail al RUP, all’indirizzo registrato in anagrafe.

Una volta cancellato, l’utilizzo del CIG da parte della stazione appaltante determina violazione delle norme sulla trasmissione delle informazioni obbligatorie all’Autorità, sulla contribuzione di gara e sulla tracciabilità dei pagamenti, nonché possibile responsabilità penale ed erariale.

 

? PONI UN QUESITO SULL'ARGOMENTO
TORNA AGLI ARTICOLI

CDA Studio Legale Tributario · P.I. 02050580204 · Via Cremona 29/a, 46100 Mantova · Tel. 0376/227111 · info@cdastudio.it