caricamento...
chiudi ricerca

Risultati della tua ricerca:

Dup e nota di aggiornamento

Dup  e nota di aggiornamento

Autore: Cinzia Devincenzi

Questo articolo contiene:

Dup, Nota di aggiornamento, Previsioni finanziarie, Bilancio previsione, Decreto Milleproroghe

09/02/2017

SFOGLIA GLI ARTICOLI
CON UN TOUCH

La legge di bilancio per il 2017 tra le tante proroghe che interessano gli enti locali, contiene anche quella relativa alla nota di aggiornamento al documento unico di programmazione che, per espressa disposizione del Testo unico degli enti locali va approvata il 15 novembre unitamente allo schema del bilancio di previsione. La proroga, prevista dalla legge 232/2016 sposta l'approvazione da parte della giunta al 31 dicembre 2016 ma, stante il nuovo ordinamento contabile, risulta superflua in quanto il principio della programmazione finanziaria, nell'ottica della coerenza interna degli atti di programmazione finanziaria impone l'aggiornamento del Dup al mutare dello scenario economico-finanziario di riferimento: l'approvazione della nota di aggiornamento al Def che il governo presenta alle Camere a ottobre, o l'approvazione della legge di bilancio. Interventi che innovano il quadro normativo sulla base del quale gli enti pianificano la linea di condotta nel breve e nel medio-lungo periodo,ragion per cui si impone un aggiornamento del Dup all'atto dell'approvazione del bilancio di previsione, che abbraccia un arco temporale di programmazione finanziaria pari a un triennio, in quanto il documento di programmazione va di pari passo con le previsioni finanziarie del bilancio. Vista la definitiva quantificazione delle risorse da destinare a ogni missione e ai rispettivi programmi ben si impone l'adozione della nota di aggiornamento al Dup contestualmente all'approvazione del bilancio di previsione. Il Dup, infatti, richiede, tra le altre cose, anche l'approfondimento della spesa corrente, con specifico riferimento alla gestione delle funzioni fondamentali e l'analisi delle necessità finanziarie e strutturali per l'espletamento dei programmi ricompresi nelle varie missioni. La sezione operativa, che abbraccia lo stesso arco temporale della programmazione finanziaria del bilancio di previsione, approfondisce la valutazione dei mezzi necessari per la realizzazione dei programmi all'interno delle missioni con la misurazione anche del gettito finanziario prodotto.

La necessaria contestualità dell'approvazione dei documenti di programmazione presuppone necessariamente la disponibilità di dati finanziari che solo uno schema di bilancio predisposto, seppur non approvato, può fornire. L'aver prorogato la nota di aggiornamento al Dup al 31 dicembre non può che generare confusione. Non vi è dubbio, infatti, che lo schema del bilancio di previsione e il documento unico di programmazione sono predisposti dall'organo esecutivo entro la stessa data, che a regime è il 15 novembre di ogni anno. Disposizione normativa che presuppone la contestualità nell'adozione dei due maggiori documenti di previsione dell'ente.
Nel silenzio del legislatore, e quindi in assenza di proroghe ufficiali, comunque l'aggiornamento sarebbe avvenuto in parallelo con la predisposizione del bilancio di previsione, attingendo da questo l'analiticità dei dati necessari per supportare la pianificazione strategica e operativa esposta nel Dup.

La proroga al 31/12 ha natura meramente ordinatoria e non perentoria, e quindi la mancata approvazione non è sanzionata, ma l'aver ottemperato alla previsione normativa della legge di bilancio potrebbe costringere gli enti a un ulteriore adozione della nota di aggiornamento al Dup se alla data del 31/12 i dati previsionali del redigendo bilancio di previsione non sono ancora da considerarsi definitivi o sono carenti. E questo può essere frequente più di quanto si possa immaginare, visto che alla originaria proroga al 28 febbraio predisposta dalla legge di bilancio, il decreto Milleproroghe ha disposto il rinvio al 31 marzo per l'approvazione del bilancio di previsione

 

 

? PONI UN QUESITO SULL'ARGOMENTO
TORNA AGLI ARTICOLI

CDA Studio Legale Tributario · P.I. 02050580204 · Via Cremona 29/a, 46100 Mantova · Tel. 0376/227111 · info@cdastudio.it