caricamento...
chiudi ricerca

Risultati della tua ricerca:

DUP E FABBISOGNO DI PERSONALE

DUP E FABBISOGNO DI PERSONALE

Autore: Cinzia Devincenzi

Questo articolo contiene:

Sezione strategica, spesa media personale, programmazione personale, vincoli finanza pubblica

10/11/2016

SFOGLIA GLI ARTICOLI
CON UN TOUCH

La programmazione strategico-operativa del prossimo triennio non può prescindere dalla politica assunzionale e retributiva dell'ente da coordinarsi con l'armonizzazione contabile, indicando nel documento unico di programmazione  i fabbisogni di personale e le eventuali risorse variabili da destinare alla contrattazione di secondo livello. 
La sezione strategica definisce le linee di indirizzo politico-amministrativo di mandato, che trovano attuazione nella sezione operativa attraverso la programmazione annuale e triennale del fabbisogno di personale che, in base a quanto prevede l'articolo 91 del Tuel e l'articolo 6 del Dlgs 165/2001,  deve essere elaborato, in coerenza con la dotazione organica dell'ente, su proposta dei competenti dirigenti che individuano i profili professionali necessari allo svolgimento dei compiti istituzionali delle strutture cui sono preposti. 
Su questo documento deve essere espresso il parere dell'organo di revisione contabile per verificarne la coerenza con i principi di riduzione complessiva della spesa , verifica espressamente prevista dall'articolo 3, comma 10-bis del Dl 90/2014, in base al quale i revisori dei conti sono tenuti ad allegare una certificazione ad hoc alla relazione di accompagnamento alla delibera di approvazione del bilancio annuale dell'ente. 
In caso di mancato adempimento, il prefetto presenta una relazione al ministero dell'Interno e con la medesima relazione viene inoltre verificato il rispetto delle prescrizioni  della legge 296/2006, in merito all'obbligo di riduzione della spesa di personale, il cui importo deve essere mantenuto annualmente entro la spesa media sostenuta nel triennio 2011/2013 e, negli enti che non erano assoggettati al patto, entro l'importo impegnato nel 2008. La programmazione del personale comprende anche l'adozione del piano triennale delle azioni positive e pari opportunità (deliberazione 82/2016 Corte dei conti Liguria in tema di rilevanza della mancata adozione) e la verifica dell'assenza di posizioni professionali in sovrannumero e per procedere a nuove assunzioni occorre inoltre che l'ente abbia adottato il Piano della performance e  rideterminato la dotazione organica 
La politica assunzionale deve fare i conti anche con i vincoli di finanza pubblica, per i quali a partire dal 2016, il patto di stabilità è sostituito dal pareggio di bilancio e solo gli enti che hanno rispettato i saldi obiettivo loro assegnati e che hanno trasmesso entro il 31 marzo 2016 la certificazione del rispetto del patto di stabilità interno per l'anno 2015 possono infatti procedere ad assumere personale. Limitatamente all'anno 2016, la mancata trasmissione della certificazione entro il 31 marzo non viene sanzionata, a condizione  che l'invio sia avvenuto entro il 30 aprile . Resta comunque  il divieto di assunzione negli enti per i quali, anche in corso di anno, è prefigurabile lo sforamento dei limiti di finanza pubblica e il Dl 185/2008 stabilisce il blocco del ricorso all'indebitamento e delle assunzioni per gli enti non in regola con gli obblighi di gestione e certificazione dei crediti attraverso la piattaforma informatica. 
A decorrere dal 2017, la mancata approvazione nei termini del bilancio di previsione, del rendiconto e del bilancio consolidato sarà inoltre sanzionata, in base al Dl 113/2016 , con la nuova penalità del blocco delle assunzioni, che scatterà anche nell'ipotesi di ritardo nella trasmissione dei documenti alla Banca dati pubbliche amministrazioni, rispetto al termine di trenta giorni dalla loro approvazione. La sanzione cesserà all'atto di approvazione e invio dei documenti. 
Pur rappresentando indicatori rilevanti ai fini della verifica della sana gestione finanziaria dell'ente, non costituiscono condizione per l'attuazione della politica assunzionale il rispetto dell'indicatore di tempestività dei pagamenti e dell'indice della spesa di personale sulla spesa corrente (abrogato dall'articolo 16, comma 1 del Dl 113/2016).



 

? PONI UN QUESITO SULL'ARGOMENTO
TORNA AGLI ARTICOLI

CDA Studio Legale Tributario · P.I. 02050580204 · Via Cremona 29/a, 46100 Mantova · Tel. 0376/227111 · info@cdastudio.it